4 MINORENNI NEL TURNO DI LENOCINIO MINORILE: “VOLEVAMO CONSEGUIRE SOLDI mediante I GAY”

4 MINORENNI NEL TURNO DI LENOCINIO MINORILE: “VOLEVAMO CONSEGUIRE SOLDI mediante I GAY”L’intenzione dei ragazzini era quella di realizzare soldi mediante i invertito, chiedendo loro il rimessa preavvisato della opera erotico durante indi scappare. Emergono dettagli raccapriccianti nell’inchiesta coordinata dal pm Ambrogio Cassiani affinchГ© ha portato all’arresto di 11 persone frammezzo a Lombardia ed Emilia […]

4 MINORENNI NEL TURNO DI LENOCINIO MINORILE: “VOLEVAMO CONSEGUIRE SOLDI mediante I GAY”

L’intenzione dei ragazzini era quella di realizzare soldi mediante i invertito, chiedendo loro il rimessa preavvisato della opera erotico durante indi scappare. Emergono dettagli raccapriccianti nell’inchiesta coordinata dal pm Ambrogio Cassiani affinché ha portato all’arresto di 11 persone frammezzo a Lombardia ed Emilia insieme l’accusa di sesso verso versamento unitamente minorenni. L’operazione è stata contegno dai carabinieri […]

L’intenzione dei ragazzini età quella di conseguire soldi per mezzo di i lesbica, chiedendo loro il deposito preannunciato della funzione del sesso attraverso poi fuoriuscire. Emergono dettagli raccapriccianti nell’inchiesta longitudine dal pm Ambrogio Cassiani che ha portato all’arresto di 11 persone con Lombardia ed Emilia unitamente l’accusa di sessualità per rimessa unitamente minorenni.

L’operazione è stata condotta dai carabinieri di Brescia ed ha interessato, più in avanti alla circondario di Brescia, quelle di Bergamo, Milano, Pavia, Monza e Brianza, Parma.

Nell’ordinanza si giustizia l’intenzione dei giovanissimi giacchГ© si erano iscritti ad un luogo di incontri durante “guadagnare soldi mediante i gay”. “La loro idea originaria – si legislazione nell’ordinanza di vigilanza difendersi – periodo quella di incontrare i soggetti, di mendicare il corrispettivo anticipato della funzione sessuale durante poi fuoriuscire. Nell’eventualitГ  che il protetto non accettava la situazione del deposito preavvisato l’incontro saltava. Ai propri interlocutori non mentivano no sulla loro reale periodo, del residuo immediatamente percepibile al circostanza degli incontri”, srive il gip.

L’inchiesta r iguarda quattro ragazzini, tre italiani e un ucraino, di periodo compresa tra i 16 e i 17 anni, disposti a disonorarsi. Le prestazioni sessuali erano pagate per denaro ovverosia con regali (orologi, cellulari e vestiti) e i rapporti a Bergamo venivano consumati nel piazzale del necropoli, nel area di sosta nascosto dell’Iper verso Seriate o nelle abitazioni di alcuni degli indagati.

Le indagini sono partite dalla dichiarazione di una mamma bresciana, che ha trovato sul furgone carcerario del fanciullo 16enne alcuni sms sui rapporti sessuali perché il tenero consumava con persone maggiorenni. Lo proprio 16enne ha appresso ammesso, e atto il reputazione di alcuni amici perché appena lui avevano intrapreso relazioni unitamente adulti conosciuti mediante chat. Il pm aveva comandato il penitenziario, ciononostante il gip Alessandra Sabatucci cosicché ha invece disposto i domiciliari spiegando che “sebbene alcune abitazioni degli indagati siano servite da luogo di incontri, non vi sono ragioni a causa di supporre affinché gli stessi non rispettino le prescrizioni della misura”.

Ai domiciliari poi da mercoledì, com’è noto, sono finiti, in mezzo a gli prossimo, ancora diversi bergamaschi: un sacerdote, don Diego Rota di 45 anni, un allenatore di squadre di calcio giovanili Cristian Zilli di 42 anni, un agente di pubblica sicurezza locale, Eugenio Bosio di 53 anni e Pierluigi Rossi, 50enne di Bergamo.

Verso tutti l’accusa è meretricio minorile continuata. Il ecclesiastico e gli ultimi paio sono residenti nella Bergamasca e non si conoscevano tra loro, però frequentavano gli stessi ragazzini conosciuti con agguato. Al momento all’estero una delle dodici persone raggiunte da disposizione di controllo assicurare, una ventina sopra insieme gli indagati.

A don Diego Rota, parroco, incerto, della comunità religiosa di Solza nel Bergamasco sono contestati 3 episodi. Il sacerdote, giacché si muoveva per balza di un Suv triste, avrebbe intrattenuto rapporti sessuali verso rimessa unitamente paio minori e indotto di prendere prestazioni sessuali da un aggiunto fanciullo in quanto non sarebbero avvenute verso l’intervento del fratello del garzone. Don Diego Rota si presentava ai giovani esattamente maniera “Marco”. Il cappellano, lo lapsus 10 settembre, per coppia giovani aveva regalato un https://datingrecensore.it/siti-sugar-daddy/ furgone carcerario tutti, telefoni del coraggio cumulativo di 399 euro. Nel trattato di uno contraccambio di sms intercettato un minimo chiede al sacerdote: “Ma quante volte lo dobbiamo al momento contegno in regalo?”. Don Diego Rota risponde: “Abbiamo a stento avviato, ce ne hai durante 15 volte su 20 pattuite. Dato che fai superiore e nel caso che non mi bidoni nondimeno potrei scontarne qualcuna”.

Sulla fatto è intervenuta la foro di Bergamo. “Le gravi accuse di cui è accusato suscitano nel vicario e nella nostra associazione diocesana stupore, ansia e arcano dolore”, si legge con una popolare. “Desideriamo rivelare la nostra affinità per coloro che stanno soffrendo verso questa caso senza dimenticare nessuno verso scorta dei provvedimenti restrittivi messi sopra abile, riteniamo di dover conferire un curatore parrocchiale a causa di proteggere il attività alla comunità parrocchiale di Solza. Siamo consapevoli che situazioni di codesto genere creano inquietudine durante molti e vogliamo unitamente tutto il animo giacché la autenticità e la condanna si affermino, confidando nell’opera di coloro giacché sono chiamati a garantirle. Sono molti i motivi perché inducono la unione credente ad una implorazione piuttosto intensa, alla quale ci disponiamo con corrente momento”.